La Jetée

Francia 1963 Regia: Chris Marker Durata: 28 minuti B\N


Terza guerra mondiale, Parigi è distrutta.
Hanich viene selezionato come viaggiatore attrarso il tempo per via della forza con cui ricorda un tragico evento capitatogli da piccino, ora deve cercare di dare un futuro al genere umano.
Cinema sperimentale.
Questo cortometraggio, o meglio foto-romanzo, è realizzato interamente con fotografie fisse (se si escludono lo zoom iniziale e la sequenza della donna che sorride) commentate da voce narrante. Questa tecnica, così particolare, è estremamente suggestiva e trasmette scenari apocalittici oltre a farci riflettere sul potere dell’immagine.
Una forma d’arte così singolare (e complessa) da fuoriuscire da quelli che sono i confini del cinema fino a giungere nei territori della poesia.
Un capolavoro forse irripetibile per la sua complessità e la sua unicità.
La percezione sensoriale dello scorrere dei minuti, un’immagine alla volta.
Non viaggiamo noi nel tempo sfogliando un album fotografico? Lo stesso fa qui Markel.
Un film fortemente metafisico, allucinante nello splendido finale, pieno di interrogativi.
“L’uomo che visse due volte”.
Paradossale, visionario, infine spiazzante.
L’immagine di una donna, il delirio della e nella mente, l’encefalo viaggiante, la suggestione dei ricordi.
Apocalisse.
Se il presente è tragico e nel futuro c’è amara salvezza il passato sembra essere l’unica vera risorsa. Un passato affascinante ove poter coltivare l’amore.
Sicuramente da riscoprire, questo gioello di Markel.
Ha fortemente ispirato “l’esercito delle 12 scimmie” di Terry Gilliam.
Dome

se voleste vederlo:
prima parte
seconda parte
terza parte

Annunci

6 pensieri su “La Jetée

  1. Post preziosissimo, questo…ho appena visto: esperienza sensoriale decisamente insolita e molto bella.. mi ha ricordato tanto (ma proprio tanto) “Hiroshima mon amour” di Resnais…

  2. Guardando e riguardano il piccolo-grande capolavoro di Markel quel che più mi colpisce (ma in fondo mi opprime) è la semplicità dell’idea realizzativa-produttiva. Mi opprime perchè possibile e fattibile con strumenti oramai alla portata di tutti. Poi mi impressiona la ri-lettura, il remake, di Terry Gilliam che riesce a dar corpo ad un intreccio stupefacente utilizzando come base di partenza un (comunque) abbozzo di sceneggiatura.

  3. secondo me il remake di Gilliam ha qualche problemuccio (troppo “abbondante”, io avrei tolto), ma è comunque un buon film (grazie sopratutto al talento di Gilliam)

  4. La Jetée è una forma d’arte che è unica sola eccezione perché sta tra il cinema e il fotoromanzo. Una forma d’arte che non è decollata. Ma il film rimane un’esperienza indimenticabile. Come ti ha detto pickpocket qui sopra: preziosissimo post. Grazie Dome.A presto.

  5. non è decollata,verochissà come si sarebbe potuta evolvere una simile forma d’arte, sarebbe stato interessante, credograzie a te!dome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...