La famiglia Savage

Non riesco a spiegarmi come questa perla non abbia avuto la distribuzione che meritava, probabilmente quella di portare il cervello in fase “ON” è una richiesta troppo grande, da parte mia.
L’incipit [dell’anno], che sembra schizzato fuori da un film di David Lynch, ripaga già [e ampiamente] il prezzo del biglietto.
Tutto questo per poi concentrarsi sulla scrittura, sulla composizione e l’evoluzione drammaturgica del film. Dallo straordinario all’ordinario in pochi secondi.
“La famiglia Savage” è uno spaccato minimalista [durante la visione più volte mi è balenato in testa Carver], un susseguirsi di quadri rarefatti, di atmosfere e di sguardi tanto inquietanti quanto normali.
La messa in scena della vita che rinuncia in maniera definitiva al patetico, la distruzione del nucleo familiare in atomi [che non vengono psicanalizzati ma sfregati contro i vetri frantumati della propria esistenza].
Probabilmente l’unità si ricompone nell’abitacolo di un’automobile, ove le urla e i gemiti di legami in decomposizione [humus] si incrociano definitivamente attraverso quei vetri.
Guardate come, dopo il fallimento dell’incrocio amoroso, l’infermiere sia solo un puntino lontano visibile attraverso il lunotto dell’auto [l’inquadratura più bella del film], la vettura è di nuovo il mezzo che media i legami, questa volta sentenzia la distanza, la non riuscita.
Il tempo non lascia speranze, sembra volerci dire la Jenkins, e il suo passaggio erode l’esistenza come il fiume che lentamente scava il suo letto.
Laura Linney, semplicemente perfetta [a tratti perfino inquietante].
Un film a cui vogliamo bene…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...