Away from her – lontano da lei

La macchina da presa, quasi fosse una foglia staccatasi dall’albero, cade delicatamente sulla protagonista adagiata sulla neve (la grazia di questo film è concentrabile tutta in quella inquadratura). La sensibilità della Polley è davvero enorme, riesce a trascinare all’interno di vite, spazi, memorie perdute con un tatto che lascia davvero a bocca aperta.
La riflessione che presenta il film è davvero molto profonda e coinvolge il tempo, i ricordi, la passione, la memoria (fortemente legata al tempo).
Il tempo trascina via l’oggetto dell’amore, “lontano da lei”, si tratta di una distanza percepita, non giustificata dallo spazio, inganno temporale di una memoria scivolata via per sempre.
E il tempo è una dimensione incontrastabile che incede inesorabilmente senza concedere tregua, costruisce dighe penetrabili solo dal fiume della passione.
Orizzontalissima, tranne rare eccezioni, l’evoluzione filmica: lo sci di fondo è usato come fosse traduzione di un linguaggio non verbale, il ricordo che scompare linearmente (orizzontalmente, come il vecchio che scia “lontano da noi”, dissolvendosi), tra le nevi. Sono segni che traboccano di senso, che si sostituiscono quella che è la storia per trasformarla in immagine pura, candida (concentrata, anche).
In “away from her” troviamo una delle sequenze più belle e profonde che probabilmente avremo modo di vedere al cinema quest’anno: una serie di dissolvenze che materializzano e smaterializzano personaggi nella sala di una casa di riposo. Quando la memoria viene meno i legami umani diventano fragilissimi, si aprono e si rigenerano quasi fossero lacerazioni della carne, e il tempo non lascia spazio a cuciture definitive.
Vedere davanti ad uno specchio un ricordo e non più un’immagine (o probabilmente un ricordo fattosi immagine).
Decisamente un buon film, la cui uscita ha la sfortuna di accavallarsi ad altre uscite “pazzesche”, ma vale la pena di dedicare un po’ di tempo e andarlo a vedere.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...