c.

C’era la polvere a ricoprire tutto e ho dovuto usare lo Swiffer per poterti vedere, per capire quel che provavi. Camminavamo in mezzo a un deserto senza sabbia né dune, sgretolati da un vento elicoidale, bruciati dalle fiamme di un sole a bassa quota. Mentre le saldature si sfaldavano lasciando vorticare le certezze nel vuoto, la disperazione e le lacrime impregnavano la terra.
E ora sono qui a chiederti come usciremo da tutto questo, e se uscirne sia la soluzione. Dammi sollievo. Mi rispondi che a volte le cose non possono essere affrontate usando la logica binaria. Dammi lucidità. E quando la terra sotto i piedi inizia a mancarti o impari a volare oppure ti fotti. Dammi speranza. La merda galleggia e non credo sia solo una questione di fisica. Gettami il salvagente.

Annunci

3 pensieri su “c.

  1. “Colui che un giorno insegnerà il volo agli uomini, avrà spostato tutte le pietre di confine; esse tutte voleranno in aria per lui, ed egli darà un nuovo nome alla terra, battezzandola la leggera. Lo struzzo corre più veloce del più veloce dei cavalli, ma anche lui ficca ancora pesantemente la testa nella terra pesante: così pure l’uomo, che ancora non sa volare.”

    (F. Nietzsche)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...