Il bambino che camminava adagio

Il bambino che camminava adagio si accorse di camminare adagio non appena mosse i suoi primi passi: ci mise un’ora a compiere il primo. Poi cinquanta minuti, poi quaranta, ma non scese mai sotto la mezz’ora. Desiderare un oggetto per il bambino che camminava adagio significava agonizzare lungo distanze siderali. Poteva smettere di desiderare un oggetto a metà tragitto, inseguirne un altro e poi un altro e infine non raggiungerne nessuno. Oscillava tra quattro pareti senza riuscire mai ad urtarne alcuna. Ogni attimo era per lui una fotografia replicata fino al logorio. Amplificava le emozioni e poteva provarne una per giorni interi.
Il solo amico che aveva era il vicino di casa, e gli ci volevano quasi due settimane per andarlo a trovare. Preferiva spendere il suo tempo per conoscere bene una persona piuttosto che non conoscerne alcuna.
Il bambino che camminava adagio continuava a essere un bambino anche a trent’anni, nonostante il suo corpo patisse i segni del tempo come ogni altro corpo. Quando iniziò a diventare adulto tutte le persone che amava morirono una ad una. Aveva appena cinquant’anni.
E il meccanismo procedeva implacabile, non appena si affezionava ad una persona questa lo abbandonava, gli moriva sotto gli occhi.
Aveva centosessant’anni quando si stufò definitivamente della sua situazione, e decise di buttarsi giù da un ponte. Ma non sapeva che il ponte distasse non poco dalla sua dimora. Si incamminò chiedendo indicazioni, fermandosi a mangiare nei locali in cui si imbatteva, scambiando parole con la gente di passaggio. Vide la sua ombra talmente a lungo da tatuarsela sulla retina.
Ci mise vent’anni a giungere nei pressi del ponte, e quando ormai era quasi arrivato fu colpito da un’ironia beffarda, la morte lo chiamo a sé nonostante quei ritmi bradipeschi, stramazzò al suolo con un tonfo strozzato.
Nessuno seppe identificarlo, nessuno conosceva il suo nome, nessuno gli organizzò un funerale, nessuno pianse per lui. Fu sepolto nella terra vicino al ponte nei pressi del quale fu trovato, e tutti i presenti ebbero come l’impressione che il freddo cadavere ridesse di gusto.

Annunci

5 pensieri su “Il bambino che camminava adagio

  1. preferisco il bambino che correva veloce, anche se la buona tartaruga ci insegna che chi va piano…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...