il bambino che uccideva

Il bambino che uccideva era un bambino solo, senza padri né fari; lo si poteva leggere nel profondo vuoto dei suoi occhi spenti. Teneva un pistola con sé e una manciata di proiettili in tasca. Si nascondeva in qualche posto poco frequentato e aspettava per tutto il tempo necessario (qualche ora, a volte), attendeva una persona che fosse sola, momentaneamente sola, usciva dal suo nascondiglio, prendeva la mira e sparava, ogni volta alla testa, con esattezza meccanica; dopo aver ucciso andava a nascondersi da un’altra parte, colmo di flemma, pronto ad aprire nuove insanabili ferite. Nessuno sospettò mai, neppure la vecchia zia con cui viveva. Continuò a percorrere la sua strada inzaccherata di sangue e divenne ragazzo, un ragazzo col cuore ghiacciato nel petto, la memoria densa di rosso, le notti chiazzate di incubi insistenti privi del potere di spaventarlo.
Un giorno la sua mano vacillò. Era una ragazza, una ragazza senza tacchi; il suo sguardo lo tagliò come fosse una forbice: era uguale al suo. Non riuscì ad ucciderla; uscì dal suo nascondiglio per conoscerla, la conobbe, si conobbero, si frequentarono, scoparono finanche; e lui promise lanciandole un debole fruscio verso l’orecchio che non l’avrebbe mai uccisa, lei si mise a ridere, sei matto, gli disse; un arco di sorriso si aprì sul volto del ragazzo, fu la prima volta in vita sua che gli successe. Lei pian piano si rese conto di amarlo, così il suo sguardo cambiò, i suoi occhi si riempirono, marcarono una differenza che a lui fu intollerabile. Sei come tutti gli altri!, le urlò contro, e andò a cercare quella pistola dalla quale non si sarebbe mai più separato.

Annunci

5 pensieri su “il bambino che uccideva

  1. Un bambino che si è fatto attendere. E da queste parti lo abbiamo atteso, passando ogni tanto a vedere se per caso appariva all’orizzonte. L’attesa è stata abbondantemente ricompensata.
    Ben tornato : )

  2. Concordo con Pickpocket: se ci privi ancora di queste prelibatezze è meglio che ti nascondi bene perché vengo a cercarti io, sbuco da dietro a un cespuglio. Non avrò una pistola, forse. Più probabilmente una siringa e un letalissimo pugnale affilato… ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...